Associazione     Culturale Divertirsi

Progetto emozionincamminolazio

Prugnolo


Uno sguardo sempre all orizzonte..

Dal desiderio di esplorare nasce tutto questo

Benedetto Sette, Presidente Associazione Divertirsi

Maria Scolastica Ciucci,  Guida Parco Monti Simbruini,e guida ambientale escursionistica

 

Una storia semplice....

😀

La nostra associazione nasce con un nome abbastanza indicativo "DIVERTIRSI"

 L'amore e il rispetto per la natura ha fatto nascere in noi la voglia  di camminare nei meravigliosi luoghi del parco Monti Simbruini ,proprio dove viviamo ...

Camminando,camminando la nostra curiosita' ci ha fatto scavare nelle  esperienze passate,nell infanzia, ritrovando vecchi "tesori" e come allora assaporare frutti e bacche diventa un modo per giocare ,divertirsi ..

 Ambienti naturali meravigliosi che a distanza di anni  innescano quei ricordi ,rimembranze, appunto, di momenti lontani ma precisi. 

Un vero esperimento esperenziale,sensazioni interiori suscitate dall’esperienza stessa , un vero ponte col passato.

Frutti dimenticati o antichi:nespole ,giuggiole,mele cotogne..cornioli...azzeruoli,more di montagna,fragoline..rosa canina prugnette...sambuco...sono proprio loro ad offrire quei sapori decisi che soltanto il selvatico riesce ancora a dare con questa forza. 

Vogliamo essere un ponte anche noi ,passando informazioni utili prima di tutto  al riconoscimento delle piante, parlando della loro storia ,ma anche dei loro effetti  benefici  e della loro genuinita' ,quella che possiamo ancora permetterci e, che, in questi luoghi, ancora possiamo trovare.

Rinnovare la loro presenza attraverso la conoscenza,e creare specialità con sapori del tutto originali...curiosi??..marmellate...

PRUGNOLO

CORNIOLO

VISCIOLE

CORBEZZOLO

SAMBUCO

MORE DI MONTAGNA

SUSINE SELVATICHE

PRUGNE SELVATICHE

GIUGGIOLE

ROSA CANINA

GINEPRO

E molti altri ...

Inizio escursioni simpletrek

Da settembre inizieremo la raccolta di alcune bacche importanti per il benessere dell uomo .Queste bacche sono ^curative^ quanto basta; chiaramente  danno un piccolo aiuto ,come puo fare qualsiasi frutto, ma questa volta il frutto è selvatico ed è vicino a noi che viviamo nel lazio ,..

La raccolta di queste bacche puo' sembrare semplice,ma neccessita comunque di molta attenzione e buona volontà.

Va fatta appunto,con attenzione massima, per evitare piccole abrasioni,escoriazioni,punture di spine o di insetti.

La natura si difende,ma ci permette anche di raccogliere.

Ci sembra normale raccogliere frutti senza fare danni, ma molti creano disastri.

Le cose sono semplici ,basta conoscere e rispettare quello che trovi, senza lasciare troppo l impronta umana.

Raccogliere infatti non vuol dire spezzare i rami per prendere frutti ma lasciare questi integri ..senza creare danni.

Nelle nostre escursioni un occhio sempre alle piante dunque!!!!


Laghetto di San Benedetto (Subiaco) Rm

Escursione panoramica su Subiaco.Il percorso piu lungo arriva San Donato e scende al monastero di Santa Scolastica,l altro tagliando il percorso precedente scende subito al monastero di santa scolastica ;si puo arrivare anche a san benedetto e al laghetto di San Benedetto ,semplicemente il nostro territorio per tutti !

Giuggiole

Prugnolo (Prunus Spinosa)

bucaneve

sambuco bacche

fiore di sambuco

nespola invernale

ginepro,bacche

Corbezzolo

corniolo


Lampascione selvatico Dalle nostre parti è presente.E’ la classica pianta spontanea che non si nota, è poco appariscente se non nel periodo della fioritura, quando un’attenta osservazione fa apprezzare la particolare ed elaborata struttura floreale. Esiste un solo momento dell’anno non indicato per la raccolta dei bulbi: è quello dell’emissione dello scapo floreale. In questa fase le riserve della pianta sono al minimo. Il periodo ideale resta la fine dell’estate quando le foglie sono ancora visibili e ben identificabili, ma la somiglianza delle foglie con il velenoso colchico, potrebbe trarre in inganno e quindi per la raccolta dei bulbi conviene segnare con un chiaro riferimento dove si sono individuati i cipollacci in fiore.

farinaccio

ESCURSIONI

..la chiave che apre le porte dei nostri boschi.

 

 

Per vivere la natura bisogna voler esserci e provare a superare ognuno i propri limiti ,allenando corpo e mente in quell ambiente che subito ci conquista.

Sara' l'aria ..saranno i colori,sara'quel senso liberta' che ci piace .

Uscire in escursione è un esperienza che lascia in noi buone cose.

Ognuno con i suoi sensi sperimenta e  riesce a portare a casa un senso di pace,ma  con un occhio guarda all orizzonte e vede nuove avventure,nuove scoperte ..nuove escursioni .

I motivi che mi hanno portato a diventare Guida escursionistica sono questi ,e da sempre c è in me questo senso della vita,essendo nata e cresciuta qui.

La natura cambia aspetto rendendo  nuovo e sempre pieno di spunti quello stesso paesaggio ,la natura è in costante movimento !.e io adoro le piante...